Riempire l’imbuti

Hanno aperto le chiese, l’hanno fatto davero,ché la messa è un diritto der bravo cittadino,cioè, quello che prega e se sente sincerosolo quando er prete j’ammolla da vicinoer pippone sur bene e la predica sur male,coi precetti e i divieti, le leggi e la morale. Ma le scole so’ chiuse e così resterannoperché lo studio … More Riempire l’imbuti

Pubblicità

Dopo la piena

Giù lungo er fiume maggio s’acchitta in fiore,l’aria densa de glicini e de roserasserena er ricordo de le orede reclusione e de notti angosciose. Si fissi l’acqua, se cheta la menteche come i mulinelli gira a voto:stasse a lambiccà nun serve a gnente,ché dove er fiume finisce è noto. Scorre pacioso, è passata la pienaco’ … More Dopo la piena

25 aprile 2020

I Ho perso er conto dei giorni passatichiuso dentro ’sta stanza senza luce,in un palazzo pieno de stressati,de poracci e de ggente che conduce ’na vita grama e nun lavora più.S’esce solo pe’ annasse a fa’ la spesa,ma nun c’è gusto e l’umore va giù,pe’ strada c’è n’aria sempre più tesa. A la finestra s’aspetta … More 25 aprile 2020

L’untore

Ce stanno du’ donne in finestra,de qua e de là da la strada,nun c’hanno un ber gnente da fa’e se racconteno li fatti artrui. “Hai inteso, Ottavia,” je fala brutta,’na rana me pare,“se dice ch’er papa sta male,c’ha er virus, nun po’ respirà.” “Pe’ forza,” risponne l’amica,“se va a passeggio pe’ Roma!Se sa, Caterì, che … More L’untore